Written by 06:24 Cultura, Melegnano, news

Legge popolare contro la propaganda fascista e nazista

di Redazione

Non posso ignorare la grave situazione di emergenza, sofferenza e ansia che il Covid impone a tutti noi.  Il momento che stiamo affrontando è difficile da tutti i punti di vista.

Adunata fascista. Foto da Il Fatto Quotidiano

Ma non possiamo nemmeno ignorare che i neofascisti stanno approfittando di questa  situazione per ottenere consenso, che strumentalizzano le paure e le angosce delle persone per far riecheggiare  nelle piazze i loro slogan, per mostrare i loro simboli, per destabilizzare con la violenza la nostra società e le nostre istituzioni.

Per troppo tempo tutto questo è stato colpevolmente tollerato.  Non possiamo più rimanere indifferenti. Non possiamo più abbandonarci alla rassegnazione.

È proprio in un momento come questo che la nostra democrazia acquista ancora più valore ed è in un momento come questo che dobbiamo ribadire i pilastri sui quali la nostra Repubblica si fonda: l’antifascismo è uno di questi. Antifascismo significa rispetto verso il prossimo, cura della nostra comunità, rispetto delle regole e delle leggi.

“Le nostre vite cominciano a finire nel giorno in cui stiamo zitti di fronte alle cose che contano” diceva Martin Luther King

Basta con i pudori, le incertezze, le mezze parole. Bisogna riacquistare il coraggio e l’orgoglio di dichiararsi antifascisti. Anche oggi, soprattutto oggi.

Con la nostra firma possiamo finalmente dire basta. Solo con una legge che preveda regole chiare e pene certe la propaganda fascista e nazista potrà scomparire. 

Firmare la proposta di legge significa prendere posizione e fare ciascuno di noi la propria parte.

Tina Costa, partigiana. Murale in via dei Sabelli a Roma

Dimostriamo di meritare i sacrifici delle generazioni che ci hanno consegnato questo grande patrimonio che è la nostra democrazia. Ora tocca a noi.  A tutti noi che siamo consapevoli di quanto siano preziose ma anche fragili le libertà di cui godiamo, di come il progresso ed il futuro passino da istituzioni forti, solide e democratiche.

C’è bisogno di un’onda, che parte dal basso, che spazzi via ogni pudore, che metta ognuno davanti alla propria coscienza e responsabilità: ci riconosciamo o no nei principi nell’antifascismo? Ci riconosciamo o no nei valori della democrazia, nei valori più alti che le nostre società hanno saputo sviluppare?

Siamo una grande comunità di donne, di uomini, di associazioni. Alziamo la voce, facciamoci sentire, impegniamoci tutti per portare questa proposta di legge in Parlamento.

Facciamolo insieme, facciamolo ora. Firmiamo la proposta di legge antifascista.

Abbiamo una grande opportunità: presentare una proposta di legge contro la propaganda di queste ideologie che parta dal basso, dal popolo, da tutti noi.

Un’opportunità di salvaguardare le istituzioni democratiche, di impedire a qualsiasi forma di fascismo di rinascere, di insinuarsi nelle nostre comunità, nelle nostre città.

Il Fascismo è un crimine, non è un’idea, diceva Matteotti. Non è un’opinione, non può esserlo e non vogliamo che lo diventi

Questo scriveva Maurizio Verona, sindaco di Stazzema lanciando la raccolta firme per una legge popolare contro la propaganda fascista e nazista.

C’è tempo fino al 31 marzo 2021 per raccogliere almeno 50.000 firme grazie alle quali potremmo portare la proposta in Parlamento. Per aderire bisogna recarsi presso il proprio comune, dove si è iscritti nelle liste elettorali, e firmare la proposta di legge antifascista.

A Melegnano bisogna prendere appuntamento in Comune telefonando allo 02 98208208.

Fai sentire la tua voce, firma anche tu e invita a firmare amici e parenti.

Foto di copertina, Niguarda antifascista, da Flickr, Walls of Milan.

(Visited 143 times, 1 visits today)
Close