Written by 04:05 Attualità, Cultura, news

Per gli ottant’anni delle suore a Viboldone, un video di Adriano Carafòli

a cura della Redazione

Per celebrare gli ottant’anni di presenza delle suore benedettine a Viboldone, Adriano Carafòli, conosciuto e apprezzato fotografo e videomaker, ha realizzato una video-documentazione sull’abbazia e sulle attività che all’interno si svolgono.

Il video è l’esito di un’attività di formazione condotta da Carafòli con le stesse monache, che si è concretizzata in lezioni di impaginazione con InDesign e di elaborazione immagini con Photoshop.

“Da quell’esperienza – racconta il fotografo di Melegnano – è nata l’idea di realizzare qualcosa per ricordare l’anniversario del primo maggio 1941, data di insediamento delle suore nell’abbazia, che allora versava in stato di abbandono. Il video intende storicizzare quell’evento e raccontare alcuni aspetti della vita all’interno della comunità religiosa. Il tutto senza confliggere con la riservatezza del luogo e delle persone ospiti”.

L’Abbazia di Viboldone (foto ©Adriano Carafòli)

In 22 minuti il documento racconta la vita all’interno del monastero: i canti, le preghiere, le letture, ma anche le attività manuali, come la produzione di ceri e candele, la cura dei giardini e, soprattutto, la preziosa attività di recupero e rilegatura dei testi antichi.

“Un lavoro quest’ultimo – conclude Carafòli – per il quale Viboldone è luogo noto e riconosciuto. All’interno delle stanze dell’abbazia viene infatti eseguito il restauro delle pergamene soggette a usura e invecchiamento. Grazie al lavoro delle suore i testi riprendono vita e ritornano a far parte di un patrimonio storico e culturale di grande valore”.

Un incontro, quello tra il fotografo e la vita monacale, nato per caso.

“In realtà, a organizzare un corso di impaginazione digitale a Viboldone ci sono finito, un anno e mezzo fa, un po’ per caso, su segnalazione di un’amica. Da subito ho tenuto a far presente a loro di essere un cristiano non credente. Nessuno mi ha chiesto nulla e sono stato accettato come persona. Nel corso di questa frequentazione, ho trovato una suora di oltre ottant’anni, di Modena, piena di entusiasmo, con la quale sono entrato in sintonia sotto il profilo umano. Ho così iniziato il mio lavoro e a trasmettere le mie competenze.  Col tempo sono stato accettato dal gruppo. Ho scoperto mondi nuovi e problematiche umane e di vita vissuta che non immaginavo”.

Il video

 

In apertura, l’Abbazia di Viboldone (foto ©Adriano Carafòli)

(Visited 435 times, 1 visits today)
Close